Ucina Confindustria Nautica, nell’ottica di supportare fattivamente la posizione e le iniziative del Porto Carlo Riva – membro di Assomarinas, nostro socio aggregato – desidera contribuire alla massima diffusione del comunicato in calce.

Porto Carlo Riva: Garantiamo la nostra massima collaborazione alla Procura. Avanti tutta.

A seguito dei noti fatti, la società ritiene doveroso l’avvio da parte della Procura della Repubblica di un’indagine volta ad accertare lo stato delle opere del porto e le cause del disastro del ciclone del 29 Ottobre. Sicuramente questa indagine aiuterà a dipanare ogni dubbio in merito alla nostra correttezza.

La società sta continuando a fare tutto quanto necessario per mettere in sicurezza il porto e questo consentirà di procedere nel più breve tempo possibile al recupero dei relitti e allo smaltimento degli stessi all’interno dello specchio acqueo del porto e sulla passeggiata a mare in sicurezza e celerità.

Il nostro operato inoltre è propedeutico a assicurare condizioni di piena sicurezza per l’intero comparto portuale di Rapallo, il nostro porto turistico, l’adiacente porto pubblico e tutte le attività ivi operanti e a garantire la sicurezza degli esercizi sulla prima linea fronte mare della città di Rapallo.

Per Venerdì 16 novembre, così come era già stato preannunciato all’Ufficio Demanio del Comune di Rapallo, verrà consegnato il nostro programma della cosiddetta “Fase 1” della rimessa in sicurezza della zona portuale e verranno avviati i primi interventi di recupero alla massicciata.

2018-11-13T19:08:56+00:00