Motori fuoribordo rubati

UCINA – Confindustria Nautica lancia la banca dati on line per i motori fuoribordo e le unità da diporto rubati. In seguito alle segnalazioni ricevute da numerosi operatori del settore che lamentavano il furto di motori marini e unità da diporto dai loro depositi UCINA ha attivato una banca dati on line nella quale le vittime del furto possono inserire i dati identificativi dei beni sottratti per impedirne o quantomeno meno ostacolarne la ricettazione. Al tempo stesso l’utente che ha dubbi sulla provenienza di un motore o unità da diporto offerto in vendita può verificare se esso è stato segnalato come merce rubata.

Come segnalare i beni rubati

Chi intende inserire in modo completamente gratuito nella banca dati messa a disposizione da Ucina on line deve seguire la seguente procedura: inserire nell’apposito modulo (INSERIMENTO NUOVA DENUNCIA), i propri dati personali e per ciascun motore (o unità da diporto) rubato le seguenti informazioni e copia della denuncia:

  • produttore
  • numero di serie o CIN
  • colore
  • luogo del furto
  • copia denuncia

Dopo aver caricato il file con la copia della denuncia e inviato il modulo, la documentazione sarà automaticamente inviata alla casella di posta inserita nell’apposito capo un file contente i dati inseriti:

una volta verificata la correttezza degli stessi (segnalando eventuali inesattezze) tale file deve essere stampato e firmato e inviato per fax allo 0105531104 oppure per posta elettronica all’indirizzo webmaster@ucina.net ufficiostudi@ucina.net .

Sottoscrivendo il foglio l’utente dà consenso alla pubblicazione on line dei dati e si impegna a segnalare il ritrovamento dei motori o unità da diporto rubati per consentire la cancellazione degli stessi dalla banca dati.

Le informazioni riportate nella banca dati sono relative solo al motore o unità da diporto rubati e non contengono riferimenti ai soggetti che hanno segnalato il furto.

Riferendosi ai link sottostanti si può fare riferimento alla liste:

LISTA MOTORI FUORIBORDO RUBATI