Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano

Istituito dal 1996 in un’area già tutelata dal 1989, il parco terrestre comprende a terra le isole di Capraia, Giannutri, Gorgona, Montecristo e Pianosa, e, in parte, l’isola d’Elba e il Giglio. Si estende anche a mare nelle acque e nei fondali circostanti le isole di Capraia, Giannutri, Gorgona, Pianosa e Montecristo, per una superficie di circa 57.000 ettari. Da anni è prevista l’istituzione di un’area marina protetta vera e propria, che dovrebbe prevedere regolamentazioni meno rigide e tutelare anche il mare circostante il Giglio e l’Elba. Oltre alle sette isole maggiori, l’Arcipelago comprende una moltitudine di isolotti, tra cui Cerboli, Palmaiola, Scoglietto, i Corbelli, l’isola Paolina, l’isola della Cappa, e gli scogli Ogliera, della Triglia, di Liscoli, d’Africa, Peraiola, le Formiche, di Mezzo Franco, le Scole. Le zone 1, di rilevante valore naturalistico e sottoposte a particolare protezione, non sono ancora segnalate da boe e miragli luminosi. Nel tratto di mare circostante Pianosa per 1 miglio marino dalla costa sono vietati la balneazione, la pesca e il transito. Tali norme dovrebbero essere in parte attenuate dall’adozione del Piano e del Regolamento del Parco, di prossima emanazione.

In Barca

Tappe di 20-25 miglia su un tratto di mare molto tranquillo sono l’ideale per la crociera familiare e le prime esperienze di navigazione. Attualmente i vincoli per la navigazione interessano Montecristo, Gorgona, Pianosa, la costa occidentale di Capraia e parte di Giannutri. I migliori punti di partenza sono Punta Ala e l’Argentario, in costa, Porto Azzurro e Porto Ferraio all’Elba. L’isola maggiore consente di sostare alla fonda, nelle ampie rade, o attraccare nei porticcioli alla ricerca di mercatini, ristoranti e locali tipici. Se si cerca la movida gli scali Marina di Campo e Porto Azzurro. Il Giglio offre alcune baie e numerose calette, alcune minuscole, orlate di scogliere dolci e levigate dove è piacevolissimo stendersi a prendere il sole. Interessante la visita all’antico borgo di Giglio Castello. Merita un bagno la minuscola Giannutri, isola dei gabbiani, mentre per sbarcare a Pianosa si deve scegliere uno dei tour organizzati. Capraia è un ottimo trampolino per il “dito” della Corsica.

Le Regole